“E l’uomo incontrò il cane” è un vecchio libro di Lorenz che ebbe un notevole successo e ancora oggi viene ristampato.

“E l’uomo incontrò il cane” è un vecchio libro di Lorenz che ebbe un notevole successo e ancora oggi viene ristampato. Nel titolo originale c’è ‘Mensch’, che significa essere umano, ma il primo incontro descritto da Lorenz è proprio con l’uomo, maschio e cacciatore. Nel racconto, volutamente un po’ romanzato, si narra di quando gli antenati dei cani si accostarono all’uomo, molto e molto tempo fa, seguendolo e aiutandolo nelle battute di caccia. Non sono i lupi, come molti potrebbero pensare, ma gli sciacalli. Secondo il famoso etologo infatti quasi tutte le razze canine derivano dallo sciacallo, e solo alcuni cani nordici (samoiedi, chow-chow, esquimesi e pochi altri) hanno sangue lupino e neanche completamente puro. Lorenz si dilunga su queste diverse origini e sulle differenze di carattere che ne provengono. Tale concezione fu contestata e in seguito Lorenz stesso smussò un po’ la sua posizione a riguardo. Ma per il lettore non è questo l’aspetto più importante. Lorenz informa e dà spiegazioni scientifiche, ma nello stesso tempo tesse l’elogio del “miglior amico dell’uomo”, del suo affetto e delle sue capacità. Le descrizioni della fedeltà del cane sono tali da smuovere anche il cuore più duro, come gli appelli all’obbligo morale verso questo animale, spesso invece trascurato o abbandonato (l’abbandono non è frutto dei moderni!). Anche alla base di questo libro c’è il rapporto, la familiarità, e non manca una piccola polemica contro gli studi di laboratorio. Lorenz con i suoi animali ci vive e ci passa il tempo; per esempio per studiare il dingo ne fa allevare un cucciolo da una delle cagne di casa, osservandone attentamente il comportamento.
Tra l’altro, Lorenz dice che gli animali domestici non sono meno intelligenti di quelli selvatici e che il linguaggio umano è un mezzo espressivo più rozzo di certe forme di comunicazione tra animali. Egli però non intende sovvertire le gerarchie del mondo e insiste sulla posizione unica e più elevata che, tra tutti gli esseri viventi, occupa l’uomo (‘Mann’ o ‘Mensch’? Dato il non troppo sottile maschilismo dell’autore, il dubbio è legittimo). Per avere una panoramica delle razze canine più diffuse c’è l'”Atlante delle razze canine. Una guida di riconoscimento”, chiaro e ben fatto come in genere sono i manuali della Franco Muzzio editore. Nella brevissima introduzione, nove pagine, Alberto Meriggi riesce a dare anche alcuni fondamentali consigli per la “manutenzione” del cane.


Titolo:
Autore:
Editore:
Prezzo:
Sintesi
Acquista:IBS.it
Anno:

Consigliato per l'esame di: