Ispirazione, eccellenza e innovazione

Una lunga storia di passione.

La nostra Associazione nasce nel 2002 all’interno di un gruppo sportivo ben più ampio in diversi settori sportivi e sociali.

FICSS è composta principalmente da 2 settori, un settore sportivo e un settore dedicato al sociale per meglio rispondere alle esigenze del soccorso, di Protezione Civile, della formazione delle Unità Cinofile specializzate e dei futuri formatori, utilizzando metodologie all’avanguardia nel pieno rispetto del benessere animale, rispettando principi etici e deontologici.

Il settore sportivo ha un’importanza fondamentale perché tutto il bacino di utenti che gravita nei centri cinofili aderenti viene preparato per poter affrontare attività più specialistiche. La finalità di FICSS è quella di professionalizzare, attraverso le attività ludico-sportive.

Chi ha le capacità professionali e personali, legate alla propria attività con il cane, riesce a entrare nelle squadre SPECIALI, unità operative FICSS, per offrire la propria professionalità e la propria esperienza al servizio di amministrazioni pubbliche, agenzie di sicurezza privata, forze dell’ordine, ecc.. Tutti i formatori FICSS che si occupano della scuola nazionale rispetto alla ricerca dispersi e scomparsi hanno esperienze ventennali in ambito cinofilo e competenze specifiche nel soccorso.

FICSS ad oggi (2020) conta circa 35.000 tesserati attraverso le 580 organizzazioni aderenti su tutto il territorio nazionale.

Federazione Italiana Cinofilia Sport e Soccorso

Presidente Nazionale: Luisella Vitali
Vice Presidente: Emilio Minunzio
Segretario Generale: Sergio Sgherri
Consigliere: Diego Maulu
Consigliere: Daniela Malagoli
Consigliere: Andrea Pastore
Consigliere: Sauro Manucci

Presidente Onorario: Attilio Miconi

Sede Operativa – Segreteria Nazionale – Ufficio di Presidenza: Via Variante Aurelia 9 – 19038 Sarzana (SP)
Campo Federale: c/o River Sporting Club Via Montepecchiara sn, 19021 Arcola (SP)

PREMESSA

Considerando il fatto che oggi in Italia, come peraltro in tutto il mondo occidentale, esistono di fatto due settori di partnership uomo-cane – uno zootecnico, basato sullo sviluppo e sull’utilizzo di qualità performative per la selezione delle razze (disciplinare ENCI) e uno zooantropologico, basato sullo sviluppo di qualità relazionali e sull’utilizzo dei benefici di relazione (disciplinare della FICSS) – riteniamo che sia importante, anche sotto il profilo dello sviluppo economico e professionale, far sì che entrambi i settori abbiano opportunità di crescita nel rispetto delle reciproche competenze.
Le modalità di utilizzo della partnership con il cane sono assai diverse nelle attività zootecniche rispetto alle attività zooantropologiche, le prime improntate sulla costruzione di caratteristiche e di prodotti performativi, le seconde di qualità e processi relazionali.
Le attività di zooantropologia hanno come riferimento il documento “Carta Modena” – che ha visto il concorso della veterinaria ed è riconosciuto da vasti segmenti della cinofilia e del mondo animalista – e si basano sulla definizione di requisiti relazionali di ordine beneficiale e pro-sociale.
Le attività di zooantropologia mirano infatti a migliorare l’integrazione sociale del cane (compreso l’abbattimento dei comportamenti socialmente pericolosi) e far scaturire i contributi beneficiali che sortiscono dalla relazione. Per quanto concerne lo sviluppo delle qualità comportamentali nei cani (attività di training), parliamo di “addestratori” quando ci riferiamo al settore zootecnico e di “educatori-istruttori” quando ci riferiamo al settore zooantropologico.
Riteniamo pertanto sbagliato e controproducente non tener conto di queste differenze e inglobare il settore zooantropologico in quello zootecnico; questo è ciò che avverrebbe se l’unico referente riconosciuto a operare nel training fosse l’ENCI, ente che statutariamente si occupa di cinotecnia e che ha proposto un disciplinare perfetto sotto il profilo zootecnico ma assolutamente inadeguato sotto il profilo zooantropologico.
La coesistenza di due settori del training cinofilo nella loro diversità tesi a sviluppare due filiere differenti di partnership uomo-cane, le quali, peraltro, non è detto che non debbano trovare delle sinergie, ma sempre nel rispetto della specificità degli obiettivi e di applicazione che si propongono.

(Dr. Roberto Marchesini)

FICSS_ASI_DISCIPLINARE

Premessa

Considerato che l’attività dell’educatore e dell’istruttore cinofilo riveste un ruolo di grande rilievo nei rapporti uomo-cane nell’attuale società e che gli studi sul cane, le continue evoluzioni del pensiero i cambiamenti normativi impongono una conseguente evoluzione di questa importante figura professionale e conseguente riconoscimento.
Lo scopo della FICSS è quello di garantire la qualità operativa dei Centri affiliati e di regolare l’operato degli educatori-istruttori cinofili o tecnici iscritti sotto il profilo etico e deontologico al fine di tutelare il benessere psico-fisico del cane.

Cosa dice il codice deontologico?

E’ prioritario il benessere del Cane e del Conduttore / proprietario;
Umiltà e onestà nel lavoro;
Attivare collaborazioni e sinergie con altre figure professionali (medico veterinario comportamentalista) rispettando le reciproche competenze;
Aiutare anche chi ha difficoltà economiche;
Rispetto della Privacy;
Vieta i comportamenti lesivi e scorretti;
Vieta di imporre punti di vista;
Vieta di esercitare la professione in maniera illecita;
Vieta le collaborazioni con addetti al settore privi di scrupoli;
Vieta di dare garanzie e false aspettative rispetto al proprio lavoro;
Vieta di utilizzare metodi coercitivi, cruenti, aggressivi e strumenti che possano ledere il benessere psico-ficico dell’animale;
Vieta l’utilizzo di strumenti quali: collare “a strozzo”, collare elettrico, collare con le punte, collari a soffio (aria, citronella, ecc.)
Vieta pubblicità ingannevoli.

SCARICA IL CODICE DEONTOLOGICO

REGOLAMENTO GENERALE

 

Il benessere dei cani ha la priorità assoluta.

  1. L’accreditamento alle gare e subordinato al controllo medico veterinario. Ogni iscritto deve essere in possesso del certificato sportivo NON ANTECENDENTE A MESI 3.

Il conduttore nelle discipline impegnative come: Dog Orienteering, Attività natatorie, Attività Olfattive, Dog Trekking, Disc Dog DEVE ESSERE in possesso del certificato medico di idoneità sportiva anche per il conduttore.

  1. Qualora il conduttore del soggetto abbia dimenticato a casa il certificato di buona salute del cane rilasciato dal proprio medico veterinario curante, potrà compilare un modulo di autocertificazione – scarico di responsabilità, e potrà quindi comunque procedere con l’iscrizione. Lo scarico di responsabilità potrà essere sottoscritto SOLO UNA VOLTA durante il campionato. Alla gara successiva dovrà esibirlo, pena la squalifica.
  1. Se un soggetto è privo di libretto sanitario e di certificato il binomio non potrà rimanere all’interno dell’area gare e nulla gli sarà rimborsato.
  1. Non possono accedere all’interno dell’area visitatori con cuccioli di età inferiore a 6 (sei) mesi.
  1. Anche i visitatori che intendono entrare con il cane al seguito sono tenuti, qualora l’organizzazione lo ritenesse necessario, all’osservanza della visita medica.
  1. Non è consentito condurre i cani con collari a strozzo, semi-strozzo, capezzine o con altri strumenti definibili coercitivi (collare elettrico o con soffio d’aria o altra sostanza, collare con le punte) così come previsto dal codice deontologico FICSS.
  1. È consentito l’accesso alle femmine in calore solo se iscritte alle gare, salvo diverse disposizioni da parte del referente tecnico. Verranno fatte gareggiare per ultime nella loro classe di iscrizione.
  1. L’accesso ai Cani nelle aree di gara è consentito dai 6 mesi in su, solo se in regola con le vaccinazioni e con la profilassi antirabbica effettuata almeno 40 giorni prima dell’evento.
  1. Non possono accedere Visitatori con femmine in calore, per il resto valgono le stesse regole per i cani iscritti alle gare per ogni singola disciplina.
  1. I cani aggressivi non sono ammessi.
  1. In occasione delle Gare di Campionato FICSS non è consentito agli atleti in gara esporre il logo del proprio Sponsor (Gazebo brandizzati, banner, striscioni, ecc.). Non è consentito gareggiare con indumenti non adeguati con evidenti sponsorizzazioni.
  1. Sono esclusi dalla manifestazione i cani malati, nonché femmine in avanzato stato di gravidanza, chiaramente in lattazione o accompagnate dai loro cuccioli.
  1. Al di fuori delle zone recintate dove si svolgeranno le gare o le esibizioni i cani devono essere tenuti RIGOROSAMENTE al guinzaglio.
  1. Non sono tollerati atteggiamenti di coercizione e maltrattamento, anche verbale, nei confronti del cane.
  1. Il conduttore e i visitatori con i cani sono obbligati a raccogliere le deiezioni del proprio cane e gettarle negli appositi contenitori.
  1. I visitatori sorpresi a non raccogliere le deiezioni del proprio cane verranno accompagnati all’uscita senza che possa esigere il rimborso della quota del biglietto di ingresso.
  1. Tutti i concorrenti e il pubblico sono tenuti ad un comportamento educato, non sono ammessi turpiloqui.
  1. È fatto obbligo di esibire i documenti del cane in qualsiasi momento vengano richiesti dal personale dello Staff preposto.
  1. Personale addetto alla sicurezza e volontari sono preposti a far rispettare il presente regolamento. In caso di mancata osservanza il binomio sarà richiamato; in caso di recidiva può essere squalificato senza che nulla gli sia dovuto.
  1. Non è consentito lasciare i cani in auto se non correttamente areati.
  1. E’ vietato consumare colazioni al sacco nel parco, in prossimità delle aree gara, lago e in spiaggia.
  1. I minorenni devono essere accompagnati dai genitori o dalle persone che abbiano espressa delega da chi è titolare della patria podestà. Gli adulti sono pienamente responsabili dei bambini e del loro comportamento all’interno delle aree gara, nelle aree di sosta per visitatori; in particolare, oltre a garantire il massimo rispetto del presente regolamento, debbono prestare attenzione affinché:
  2. non sia arrecato disturbo ai cani che riposano nei Kennel o liberi accanto al proprio conduttore
  3. le attività durante le gare avvengano in completa sicurezza e sia osservato il rispetto di persone e cose durante la permanenza nell’area.
  1. Gli impianti sportivi sono utilizzabili solo in base alle iscrizioni alle gare e in base alle disposizioni da parte dell’Ente.

Le gare sono organizzate dai centri affiliati

Organizzatore:

L’approvazione dei programmi delle gare di campionato è di competenza dell’Ente, le candidature per ospitare le gare devono essere inviate entro il 30 settembre di ogni anno. Le candidature saranno valutate, approvate e comunicate ai diretti interessati con congruo anticipo per consentire di inviare all’Ente le informazioni per la promozione sui social e sul sito ficss.it.

Sul programma devono essere riportati: i giorni stabiliti per l’effettuazione delle gare e l’ordine delle stesse; il tipo di categorie e la dotazione dei premi in denaro; il nome della Segreteria che raccoglie le iscrizioni e del Giudice;

Organizzazione del campo e attrezzature

I club che desiderano organizzare le gare di campionato FICSS dovranno:

  • Essere affiliati FICSS ed in regola con le quote dell’anno in corso, compresa RCT in linea col regolamento in materia di affiliazione e tesseramento,
  • I club dovranno disporre di un’area minima di dimensioni previste dai regolamenti delle discipline che non presenti nessun pericolo per i cani e che sia ben delimitata.
  • Affidare l’organizzazione della gara ad un proprio tecnico specializzato nella specifica disciplina in regola con i rinnovi del tesserino tecnico.
  • I club dovranno designare un giudice abilitato FICSS e gli assistenti necessari per la corretta gestione della gara.
  • Mettere a disposizione del giudice il materiale necessario per lo svolgimento della gara (es: cartelli, salti, cronometri, riportelli, coni, ostacoli e tutto il materiale necessario per il buon svolgimento della gara).
  • Assicurare, durante tutta la manifestazione, la presenza o la reperibilità di un veterinario cui fare riferimento in caso di emergenza.
  • Disporre di servizi igienici sanitari.
  • Organizzare uno spazio adibito a segreteria, con la presenza di almeno un addetto membro dello staff.
  • Garantire un minimo di premi per i partecipanti.
  • Garantire il rimborso spese per il giudice e, se previsto il gettone di presenza.

I concorrenti/conduttori:

Tutti i conduttori, per partecipare alle singole gare di campionato FICSS – ASI Cinofilia non è necessario che siano tesserati, ma DEVONO essere tesserati con un ente di promozione sportiva qualsiasi (AICS, ASI, CSAIN, CSEN, CSI, CUSI, ENDAS, MSP, PGS, ACSI, UISP, US ACLI, ASC, CNS Libertas, OPES). Le tessere ENCI non hanno validità sportiva.

Per poter partecipare e acquisire il titolo di Campione Italiano FICSS – ASI Cinofilia dovranno essere in possesso della tessera FICSS-ASI Cinofilia e del libretto del cane FICSS-ASI Cinofilia, rilasciato dalla segreteria organizzativa.

I Visitatori (non tesserati):

Per accedere all’area gara non è necessario alcun tipo di tesseramento. L’organizzazione è autorizzata, se lo ritiene opportuno a stabilire una quota di ingresso per far accedere i visitatori alle aree. Il prezzo del biglietto non dovrà superare € 5,00 a persona.

I bambini, rigorosamente accompagnati dai genitori, da 0-14 anni compiuti entrano gratuitamente.

L’acquisto del biglietto non autorizza l’accesso alle aree gara con o senza cane, impianti, ed extra se non previsto dal presente regolamento.

ISCRIZIONE e ACCREDITAMENTO

L’iscrizione alle gare deve essere effettuata esclusivamente ON-LINE attraverso il sito www.ficss.it.

Potranno iscriversi alle gare di campionato tutti i binomi (cane e proprietario o familiare convivente).

La chiusura delle iscrizioni alle gare è prevista almeno 2 giorni prima dello svolgimento, per consentire all’organizzazione la preparazione delle schede giudizio e il catalogo, senza l’applicazione di maggiorazioni.

Per l’iscrizione in loco potrà essere applicata una maggiorazione sulle quote del 30%. Salvo proroghe o deroghe concesse dal comitato organizzatore.

All’atto dell’iscrizione ogni partecipante autorizza al trattamento dei dati in base alla normativa vigente, autorizza quindi l’organizzazione di pubblicare dati limitatamente a quanto necessario, per la pubblicazione on line e/o cartacea di risultati e classifiche, per lo svolgimento delle attività istituzionali; l’iscritto rilascia contestualmente liberatoria, senza alcuna riserva per la pubblicazione di foto, filmati in qualsiasi formato.

All’atto dell’accreditamento il giorno dell’arrivo è obbligatorio presentare copia della conferma di iscrizione.

L’operazione di accreditamento è necessaria per la registrazione effettiva alle gare, per il ritiro del Kit Gara (dove previsto) e il controllo medico sanitario.

L’accreditamento potrà essere effettuato anche cumulativamente dal “Capo Club” purché abbia provveduto all’iscrizione dei propri soci/conduttori. Il controllo sanitario dovrà essere effettuato dal conduttore del cane. Non sarà possibile far effettuare il controllo sanitario del cane e all’accreditamento da parte di allenatori, capi club, familiari non iscritti alla gara.

Chi non dovesse superare il controllo medico sanitario contravvenendo alle regole del presente regolamento verrà escluso dalle competizioni e nulla verrà rimborsato.

KIT GARA

Il Kit Gara (dove previsto) comprende:

  • Numero pettorale;
  • Gadget;

IMPIANTI GARA

Vedi regolamenti di ogni disciplina

Non è possibile sostare all’interno dei campi di gara se non chiamati, l’attesa del proprio turno è prevista nel pre ring

L’organizzazione si riserva il diritto di cambiare la destinazione dell’impianto gara anche il giorno prima della manifestazione.

 

PREMI e PREMIAZIONI

Il responsabile di disciplina in accordo con l’Ente prevede un monte premi specifico per ogni disciplina cino-sportiva e in base alle proposte di sponsorizzazione.

I premi saranno suddivisi nel seguente modo:

Tutte le classi sono premiate fino al 3° classificato.

I premi (medaglie e, dove previsto, borsa in denaro) potranno essere ritirati SOLO durante le premiazioni ufficiali e SOLO dal diretto interessato, non è prevista la consegna anticipata rispetto alla premiazione. Se il concorrente non potrà essere presente alla premiazione perde ogni diritto al ritiro del premio.

Il premio in “gettoni d’oro”, verrà stanziato dall’Ente solo se sussistono le condizioni (sponsor). I premi verranno liquidati in loco se consentito dal servizio di sicurezza oppure entro 180 giorni dall’Evento salvo diverse disposizioni da parte del comitato organizzatore. Nel secondo caso verrà chiesto al conduttore di compilare un modulo per effettuare la corretta riscossine del premio.

 

REGOLAMENTO GARE

Ogni disciplina ha il proprio regolamento, ognuno è tenuto a rispettarlo e ad osservare le regole del presente regolamento generale.

  1. All’arrivo i partecipanti riceveranno per ogni cane iscritto un pettorale numerato che dovrà essere portato in modo visibile dal concorrente al momento della gara.
  2. I cani verranno giudicati seguendo rigorosamente l’ordine di catalogo.
  3. I cani regolarmente iscritti dovranno trovarsi nell’area di gara all’ora indicata nel programma.
  4. È obbligatoria per tutti i cani in gara la permanenza nell’area per l’intera durata dei turni cui essi partecipano.
  5. Potrà essere concessa l’uscita anticipata di un cane previo pagamento di una cauzione stabilita dal comitato organizzatore, non superiore alla tassa di iscrizione.
  6. Un giudice non può far gareggiare un cane proprio.

Giudici

  • Non può consultare il catalogo della manifestazione prima o durante i suoi giudizi.
  • Nessun membro del comitato organizzatore consegnerà il catalogo al giudice prima della fine della manifestazione.
  • Non può fumare nell’area di gara durante il giudizio.
  • Non può bere alcolici nell’area di gara.
  • In nessun caso può familiarizzare con partecipanti alle gare o alloggiare presso di loro a loro spese se deve giudicare i loro cani. È autorizzato a farlo solo al termine della manifestazione. Questo vale anche per incontri privati con gli atleti iscritti.
  • Un giudice deve essere in grado di giudicare un numero massimo di cani a seconda della disciplina.
  • il giudice alla chiusura delle iscrizioni verrà informato del numero dei cani iscritti nelle classi e nella disciplina che dovrà giudicare, deve dare il suo benestare ed eventualmente richiedere un giudice di riserva;
  • Il giudice è il solo responsabile del giudizio nell’area di gara. Il commissario è responsabile dei problemi organizzativi. Tuttavia nessuna attività può essere decisa senza l’accordo del giudice.

Commissari e Steward

Come già specificato, un giudice deve sempre essere assistito nel suo lavoro nell’area di gara da almeno un commissario (o steward) nominato dagli organizzatori.

Questo commissario deve parlare correntemente la lingua scelta dal giudice: italiano o inglese.

Un commissario deve avere una buona conoscenza del regolamento FICSS della disciplina a cui è stato assegnato.

Un commissario/coordinatore tecnico responsabile della disciplina deve svolgere i seguenti compiti:

  • Raggruppare i cani per classe.
  • Verificare gli assenti per ogni classe.
  • Notificare al giudice eventuali cambiamenti di presentatore o iscrizioni irregolari.
  • Scrivere il rapporto quando richiesto, dettato dal giudice nella lingua di sua scelta (come sopra specificato).
  • Seguire le istruzioni del giudice.

Il commissario deve svolgere i seguenti compiti:

  • radunare i cani per classe;
  • verificare gli assenti per classe;
  • segnalare al giudice qualsiasi cambio di conduttore;
  • scrivere il giudizio dell’esperto giudice come richiesto nella lingua indicata;
  • occuparsi della compilazione de libretto del cane FICSS e della relativa modulistica provvedendo a riconsegnare tutto il materiale, al termine della gara, sia ai diretti interessati, sia alla segreteria prevista dal comitato organizzatore;
  • interpellare il delegato dell’organizzatore per eventuali imprecisioni rilevate.

Tutte le decisioni del giudice in merito a un binomio, la classifica e l’assegnazione dei titoli sono senza appello a meno che il giudice non abbia agito contrariamente alle formalità e ai regolamenti in vigore.

Reclami

Ogni anno verrà costituito un ufficio reclami per decidere su eventuali reclami che dovessero essere presentati durante le gare di campionato. L’Ufficio reclami sarà composto da 2 persone scelte all’interno del CTN e dal coordinatore tecnico di disciplina o, in mancanza, da un delegato. Il Consiglio si riunisce nelle 2 settimane successive al deposito del reclamo e/o quando sussistono le condizioni per riunirsi.

Reclami di qualsiasi natura, devono essere redatti per iscritto e deve essere versata contestualmente una quota a titolo di cauzione. Se il reclamo venisse rigettato, la cauzione rimarrà all’Ente Organizzatore della manifestazione.

 

In ogni caso l’Ente Organizzatore (FICSS-ASI) si riserva anche il diritto:

  1. di controllare lo svolgimento delle gare;
  2. di sorvegliare l’esecuzione delle gare onde assicurare la regolarità e la rigorosa osservanza del regolamento;
  3. di prendere tutte le disposizioni ritenute necessarie per il migliore svolgimento della manifestazione e nello spirito del regolamento;
  4. di decidere nei casi controversi e sui reclami ricevuti;
  5. di verificare o far verificare, qualora sorgano contestazioni, l’identità dei cani, dei proprietari e dei conduttori;
  6. di far sospendere le premiazioni e la pubblicazione delle classifiche in tutti i casi nei quali appaiano delle irregolarità e siano presentati dei reclami fondati;

Coloro che ritenessero di poter reclamare per constatate infrazioni alle norme del presente regolamento o di quelli di disciplina, debbono farlo per iscritto, firmando il reclamo che andrà consegnato alla Segreteria della manifestazione allegando l’importo di € 250,00.

La Segreteria convocherà il Consiglio che dovrà immediatamente pronunciarsi sui reclami ricevuti, sulla base dei regolamenti in vigore. Nel caso il Consiglio non potesse riunirsi il concorrente, contro il quale il reclamo è stato avanzato, potrà essere autorizzato a partecipare ugualmente alla manifestazione stessa ma sotto riserva, per cui la classifica non sarà definitiva e la consegna del premio, eventualmente spettante al concorrente contro il quale è stato sporto il reclamo, verrà tenuta in sospeso per l’assegnazione definitiva dopo la decisione del Consiglio.

Il diritto di sporgere reclamo spetta esclusivamente ai firmatari della scheda di iscrizione dei cani alla manifestazione. Essi hanno l’obbligo di produrre le prove di quanto affermano.

Non sono ammissibili reclami sul verdetto dei giudici che, sotto il profilo tecnico, è insindacabile. Perciò tali reclami saranno respinti immediatamente, salvo che non riguardino irregolarità o infrazioni ai regolamenti in base ai quali la manifestazione si svolge.

L’Ente Organizzatore ha il diritto e il dovere di intervenire, anche senza che sia stato sporto reclamo, ogni qualvolta si riscontrino irregolarità o infrazione al presente regolamento.

Il personale di vigilanza ed i volontari hanno anche il compito di controllare il comportamento dei concorrenti, dei giudici nonché del pubblico che assiste alla manifestazione, riferendo poi all’Ente Organizzatore. In caso di gravissime scorrettezze o inadempienze compiute da concorrenti, possono essere applicate sanzioni disciplinari a carico dei colpevoli.

Se in seguito a reclamo presentato un cane risultasse indebitamente premiato, il suo conduttore o il proprietario dovranno restituire il premio eventualmente già ricevuto, che potrà essere assegnato o meno al concorrente che lo segue in classifica secondo la decisione che verrà espressa dal Consiglio dopo il ricevimento del reclamo e dopo aver ascoltato le persone coinvolte.

Responsabilità

L’Ente Organizzatore della manifestazione prenderà tutte le opportune e migliori disposizioni per il buon trattamento e per la sicurezza di cani presenti, senza tuttavia, sotto qualsiasi aspetto o motivo, assumersi alcuna responsabilità per danno, malattia, fuga, morte o furto di cani, morsi da essi inflitti o ricevuti ecc. e ciò vale per qualsiasi caso o causa. I concorrenti sono i soli responsabili dei morsi od altri danni prodotti dai loro cani a terzi nell’ambito della manifestazione: in quanto, per il semplice fatto dell’iscrizione dei loro cani, i concorrenti stessi accettano in modo assoluto, senza condizioni o riserve, le responsabilità di cui sopra.

Doveri dei partecipanti e del Pubblico

I proprietari di cani e i loro rappresentanti, tutti coloro che presentano cani in gara e chiunque abbia attinenza con i cani concorrenti alla manifestazione devono il massimo rispetto e deferenza ai giudici, ai membri del comitato organizzatore e agli altri concorrenti, pena l’esclusione dalla manifestazione.

I concorrenti dovranno rigorosamente attenersi alle disposizioni del presente regolamento e dell’Ente Organizzatore.

La puntualità è un dovere non solo disciplinare ma di educazione e di sportività. Coloro che ritardassero a presentarsi alla gara quando sono chiamati verranno la prima volta messi “in coda”, la seconda esclusi.

E’ vietato a chicchessia di rivolgere osservazioni o rimostranze ai giudici. Chi ritenesse di aver motivo di avanzare lagnanze o reclami contro di essi, potrà farlo nei modi previsti dal regolamento.

Chiunque pronunciasse pubblicamente parole offensive verso i giudici o gli altri concorrenti o rifiutasse di sottoporsi a una decisione dei primi o del personale preposto alla sorveglianza, ovvero commettesse atti di indisciplina, potrà essere immediatamente sospeso dalla manifestazione in corso, espulso o allontanato.

Il Comitato Organizzatore si riserva il diritto di…

  • In caso di assenza di qualche Giudice o di eccessiva affluenza di concorrenti di incaricare altri Giudici e di apportare tutte quelle modifiche che siano imposte dalle contingenze.
  • A suo insindacabile giudizio, di rifiutare le iscrizioni che ritiene non accettabili.
  • In caso di eccessiva affluenza di cani iscritti, di chiudere le iscrizioni a sua discrezione.
  • Di non assumersi alcuna responsabilità per eventuali errori di stampa sul catalogo.
  • Di apportare modifiche al programma, cambi di giudice e quant’altro ritenga opportuno.
  • Di modificare i regolamenti in qualsiasi momento, prima dell’inizio dei giochi, qualora lo ritenga opportuno

Affissione del regolamento

Presso la segreteria e per tutta la durata della manifestazione sarà tenuta a disposizione dei partecipanti e del pubblico una copia del presente regolamento e dei regolamenti di ogni singola disciplina.

I regolamenti sono pubblicati sul sito ufficiale: www.ficss.it

REGOLAMENTO GENERALE ORGANIZZAZIONE GARE SETTORE CINOFILIA FICSS

0
Istruttori, educatori e tecnici
0
Tesserati
0
Regioni
0
Provincie

Ricevi la nostra newsletter

Entra in FICSS, sentiti parte di un GRUPPO.