Linee guida Esami di riconoscimento

Prova scritta
Il tempo previsto per la prova scritta è di 120 minuti. Prova scritta composta da:
N° 99 domande a risposta multipla (quattro risposte, di cui una sola corretta) sulle aree di indagine, riassunte in questo documento, previste dalle linee guida regolamentate dal disciplinare FICSS: clciker training, discipline cino-sportive, ruolo dell’educatore cinofilo: competenze e limiti, psicologia e apprendimento, differenze razziali, educazione e gestione del cane, training, etica professionale, lavorare con il proprietario: dal primo contatto all’alleanza, strutturare un progetto educativo, utilizzo delle tecniche nei problemi comportamentali, codice deontologico FICSS.
N°1 domanda a risposta aperta sempre di carattere teorico
Prova scritta punteggio 100/100. Il punteggio minimo per superare la prova scritta è 60/100
Prova pratica
Il tempo massimo previsto per ogni candidato è di 30 minuti. La prova pratica è strutturata nel modo seguente:
Simulazione di intervento reale in qualità di educatore cinofilo: al candidato viene presentata una coppia cane-proprietario con particolari esigenze e/o problematiche; il candidato dovrà interagire con la coppia e fare le proprie proposte di intervento.
Inoltre verrà richiesto di eseguire un comportamento complesso con un cane sconosciuto e il suo proprietario: il candidato dovrà spiegare, impostare e costruire un esercizio di educazione suggerito dalla commissione.
Saranno in questa prova oggetto di valutazione

  • Le modalità di approccio al cane sconosciuto;
  • Le modalità di interazione con il proprietario;
  • La capacità di far fronte alle esigenze e richieste del proprietario;
  • La capacità di analisi e comprensione del problema
  • La capacità di valutazione nel suo complesso dell’interazione cane proprietario-ambiente;
  • L’adeguatezza nel fornire consigli sulla gestione del cane e sulle attività da intraprendere col cane.

SOLO PER GLI ISTRUTTORI: interazione con una coppia per la risoluzione di un problema comportamentale sottoposto, lavorare in sinergia con un medico veterinario comportamentalista. Condivisione piano riabilitativo, tipologia di esercizi e modificazione comportamentale.

Nell’ambito di queste due aree la commissione potrà fare delle domande, se necessario, anche per indirizzare il candidato.
La prova pratica deve sempre essere superata almeno con il punteggio minimo previsto.
Per la prova pratica il punteggio massimo è 60/60. Il punteggio minimo per superare la pratica è 36/60

Costruzione del punteggio nella prova pratica.
Al termine della prova di ogni singolo candidato ogni membro della commissione assegnerà il punteggio da 0 a 10 secondo i propri criteri di valutazione, i punteggi verranno sommati (la commissione d'esame è composta da minimo 3 membri, salvo deroghe da parte del Responsabile Nazionale).

Programma della giornata
ore 9,00 arrivo - registrazione dei partecipanti
ore 9,30 presentazione della Commissione d’Esame (CE)
ore 9,45 inizio prova scritta (2 ore a disposizione)
ore 11,45 – 13,30 pausa
dalle ore 13,30 inizio prova pratica